DIPLOMA DI MEDIATORE LINGUISTICO PER IL MANAGEMENT E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

DIPLOMA DI MEDIATORE LINGUISTICO PER IL MANAGEMENT E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO
equipollente al
DIPLOMA DI LAUREA IN SCIENZE DELLA MEDIAZIONE LINGUISTICA classe L-12
Lo scopo principale del corso universitario triennale è quello di  creare professionisti per il Management e lo Sviluppo del Territorio. Per questo sono disponibili diversi indirizzi che specializzano il laureato in uno o più settori. In altri termini oltre alle discipline di base, indispensabili per ogni mediatore linguistico, lo studente può  inserire nel piano degli studi  anche altre materie caratterizzanti che gli permetteranno di acquisire conoscenze supplementari. Queste conoscenze potranno inoltre essere utilmente integrate con  un periodo di tirocinio esterno da effettuare in Italia o all’estero presso aziende o enti coerenti con l’indirizzo prescelto. Un percorso quindi che tende a specializzare il mediatore in uno o più ambiti sia per facilitare il suo inserimento nel mondo del lavoro che per favorire l’eventuale prosecuzione degli studi focalizzando fin dal triennio il settore socio-economico del quale si intende approfondire la conoscenza.
Presso il Polo Didattico di Fermo a partire dall’anno accademico 2017/2018 saranno proposti i seguenti indirizzi.


MANAGEMENT E MARKETING DEL MADE IN ITALY
Obiettivo principale di questo indirizzo è  quello di formare professionisti con elevate competenze linguistiche capaci di gestire con disinvoltura la comunicazione e la relazione con il mercato internazionale. Si tratta di potenziali  “marketing manager” di aziende che operano nel segmento economico dei prodotti di lusso, utilizzano “brand” di grande prestigio e si rivolgono ad una clientela internazionale attratta dai prodotti di alta qualità e soprattutto dal “Made in Italy”.
Un mediatore dotato di creatività e capacità di innovare con l’abilità di leggere, interpretare ed anticipare il business attraverso la conoscenza e la gestione di strumenti specifici. Questo professionista deve essere in grado di comprendere i valori del “brand” e tradurli in forme di comunicazione che stimolino la scelta d’acquisto dei consumatori. Deve inoltre conoscere, affiancare e potenziare le diverse strategie che le imprese italiane presenti sui mercati internazionali adottano per commercializzare i propri prodotti.  Saper comprendere come il Made in Italy rappresenti un potente “marchio di qualità” che, se efficacemente comunicato, si rivela un fattore decisivo per vincere la sfida della competizione commerciale nell’epoca dell’economia glabalizzata.
Durante il corso degli studi si analizzeranno i diversi settori tipici del Made in Italy con particolare riferimento alle filiere produttive delle Marche Quindi una particolare attenzione verrà riservata al settore manifatturiero (calzature e accessori) ed a quello agroalimentare.


SVILUPPO E GESTIONE SOSTENIBILE DEL TERRITORIO
Il corso di laurea con indirizzo in “Sviluppo e gestione sostenibile del territorio” riconosce il territorio come lo snodo cruciale in cui trova inizio e compimento ogni scambio sociale, culturale ed economico. E’ sul territorio, infatti, che si svolgono i processi economici ed è su di esso che si scaricano le pressioni ambientali; è il territorio il destinatario finale di tutte le politiche pubbliche orientate alla valorizzazione del patrimonio ambientale, artistico e culturale.
Il corso si prefigge  di fornire agli studenti una conoscenza approfondita di alcune delle più recenti tecniche di comunicazione, vendita e promozione mediante gli  strumenti del così detto Web 2.0 (web content development, web marketing, commercio elettronico, booking telematico di prodotti e servizi) finalizzando lo studio all’applicazione di questi strumenti nell’ambito del turismo culturale e ambientale.

Grazie alle conoscenze linguistiche, informatiche, telematiche, ambientali, economiche e giuridiche, sarà formata una figura professionale polivalente in grado di creare relazioni e sinergie tra azioni imprenditoriali e politiche pubbliche di salvaguardia e valorizzazione territoriale attraverso progetti di rete e di sistema,  anche in una prospettiva di “green economy”, orientati alla comunicazione con l’estero ed all’accoglienza turistica. Il laureato con questo indirizzo acquisirà inoltre la conoscenza delle fonti di informazione e degli strumenti tecnico-linguistici necessari per  presentare e gestire  progetti, in nome e per conto di partenariati pubblici e privati, con l’obiettivo di accedere a fondi europei e di partecipare a bandi e gare nazionali ed internazionali.

INTERPRETARIATO DI CONFERENZA PARLAMENTARE E CONGRESSUALE
Il corso triennale in Scienze della Mediazione Linguistica con indirizzo in “interpretariato di conferenza  parlamentare e congressuale” prepara esperti mediatori linguistici per il mondo della comunicazione pubblica quali convention, congressi, meeting internazionali  e incontri politico-istituzionali. La solida preparazione  in almeno tre lingue straniere ha come obiettivo il raggiungimento di un’alta competenza professionale e le numerose esercitazioni settimanali sulle tecniche di interpretariato quali la trattativa, la consecutiva e la simultanea garantiscono una formazione di assoluta eccellenza.


MEDIAZIONE LINGUISTICA FORENSE
L’ indirizzo  Mediazione Linguistica Forense offre opportunità d’inserimento professionale nei tribunali e nelle indagini forensi. Il Mediatore linguistico forense, oltre ai tradizionali sbocchi linguistici previsti di traduttore e interprete, può orientarsi verso particolari attività afferenti il mondo investigativo, scientifico e forense. L’indirizzo prepara alla traduzione ed all’analisi linguistica dei fenomeni criminosi rendendo possibile l’inserimento nei contesti  internazionali mediante un approccio sistemico, globale e culturale.  Lo studio accurato delle lingue lo pone come specialista indiscusso nei processi di analisi, comprensione, identificazione di traduzione di testi e contesti di delicatissima importanza sociale.




Pagina in allestimento